X-Men: 5 cose che probabilmente non sapete su di loro

X-Men

X-Men

In questi giorni è nelle sale di tutta Italia X-Men: Giorni di un futuro passato, nuovo capitolo della saga cinematografica dedicata al celebre gruppo di mutanti Marvel.

Ma chi sono gli X-Men? Se avete già visto gli altri episodi e soprattutto se siete lettori dei fumetti lo saprete ormai benissimo. Ma forse alcune di queste curiosità vi giungeranno inaspettate.

1) Gli X-Men sono nati dalla fantasia di Stan Lee e di Jack Kirby nel 1963. L’idea di un gruppo di adolescenti con super poteri, buoni ma non accettati dalla società, non è del tutto originale. Qualche mese prima era infatti uscita per la concorrenza, la DC Comics, una serie intitolata Doom Patrol di Bob Haney, Arnold Drake e l’italiano Bruno Premiani. In Doom Patrol Cliff Steele (Robotman), Rita Farr (Elastigirl) e Larry Trainor (Negative Man) sono tre giovani con super poteri che, allontanati dalla società, vengono presi sotto la “protezione” del professor Niles Caulder, ingegnere in sedia a rotelle. Vi ricorda qualcosa?

Doom-Patrol

2) Nonostante sia forse il mutante più conosciuto, Wolverine non è un X-Men “originale”. Creato da Len Wein e Herb Trimpe, Wolverine compare infatti solo nel 1974, dopo ben 11 anni e la prima comparsa non la fa neanche sulla testata dedicata agli X-Men ma su The Incredible Hulk.

Wolverine

3) La formazione tipica degli X-Men è cambiata molte volte nel corso degli anni. Quella originale era composta da Ciclope, Bestia, Angelo, Marvel Girl e Uomo Ghiaccio. A questi, sempre negli anni ’60, si sono aggiunti presto Havok, Polaris e Mimo. Molto nota anche la formazione più in voga negli anni ’70 ovvero Banshee, Colosso, Nightcrawler, Sole Ardente, Tempesta,  Thunderbird e Wolverine a cui si sono aggiunti successivamente Shadowcat e Fenice. Ma il periodo d’oro degli X-Men sono forse gli anni ’80 quando ai personaggi fin qui citati si sono aggiunti Forge, Gambit, Jubilee, Longshot, Dazzler, Psylock e Rouge.

Uncanny_X-Men

4) Tra i vari mutanti si sono negli anni instaurati sempre più rapporti di parentela. Vediamone i più curiosi:

  • Scott “Slim” Summers, in “arte” Ciclope ha ben (almeno) due fratelli mutanti: Alex Summers detto Havok e Gabriel Summers detto Vulcan. In un certo senso, può anche considerarsi “fratellastro” di Gambit.
  • Quando si dice fratelli diversi: avreste mai potuto immaginare che ci fosse qualche sorta di parentela tra Charles Francis Xavier detto Professor X e Cain Marko detto il Fenomeno? E invece c’è, sono addirittura fratelli. E non è finita: Xavier ha anche una gemella: Cassandra Nova.
  • Diabolico di aspetto come il padre, blu come la madre: Nightcrawler è figlio dell'”amore” tra Mystica e Azazel.

5) Nell’universo Marvel per mutante si intendono quelle persone che possiedono, grazie ad una mutazione generica, un gene-x che permette loro di sviluppare poteri e abilità sorprendenti. Parliamo quindi di Homo sapiens superior rispetto a noi, Home sapiens sapiens, come se quella mutante fosse la successiva fase dell’evoluzione umana. Ma chi è stato il primo mutante ad essere pubblicato sui fumetti Marvel? Namor, nel 1939. Anche se però lo status di mutante gli fu assegnato molto, molto dopo.

Sub-Mariner

E voi? Avete altre curiosità sugli X-Men? Scrivetele qui sotto o sulla nostra pagina facebook.

Marco Frassinelli

Published By: Marco Frassinelli

Laureato in Ingegneria Gestionale presso l'Università di Genova, Marco si occupa da anni di cultura popolare. È o è stato nello staff organizzativo di numerose manifestazioni quali ad esempio "Albissola Comics", "Video Festival Città di Imperia", "Festival di Folklore e Cultura Horror AutunnoNero", "Cineforum Imperia", "Liguria in Wonderland", "Mostriamo il Cinema", "Albenga Dreams". Ha lavorato come blogger per Blogosfere (blog: Pianeta Fumetto) ed è fondatore del sito di cinema CineforumImperia.it. Ha pubblicato sul settimanale "L'Eco della Riviera" e ha avuto una rubrica fissa sulla rivista di cinema "Tenebre". Scrive per le riviste di fumetti "Fumo di China" e "Dylandogofili". Con Proxima - Associazione no-profit ha curato la pubblicazione del romanzo "Sina. Je m'en fiche!" ed è co-autore dei libri di cinema "Gibba e 'Lele' Luzzati. L'arte animata di Francesco Maurizio Guido ed Emanuele Luzzati" e "Sei nel West, Amigo! Vendi il pennello e procurati una colt...". Sui articoli stati pubblicati anche su "Novissimo Zibaldino del Festival” (Mellophonium) e "L'arte del doppiaggio. Doppiatori e direttori di doppiaggio” (Felici Editori). È autore di alcune fotografie per il fotolibro “Gallieno Ferri – Photobook” (Forum ZTN). Nel 2013 crea il sito ilblogger.it dove scrive principalmente di cinema e fumetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.