Robin Williams: le interpretazioni più famose

Robin Williams

Riprendiamo il blog dopo alcune settimane di vacanza. In questo periodo come saprete il mondo del cinema è in lutto per la drammatica morte dell’attore americano Robin Williams. Il 63enne di Chicago era uno degli attori più amati dal pubblico, ma nell’ultimo periodo la sua stella sembrava essersi eclissata. Lontani i tempi in cui il suo nome era sinonimo di ottimi incassi, negli ultimi anni è stato chiamato a recitare troppo spesso in pellicole mediocri, non adatte al suo talento.

Questa è sicuramente una delle cause che lo hanno portato alla forte depressione di cui soffriva negli ultimi mesi. Sperando di dare un nuovo impulso alla carriera lo scorso anno tornò a lavorare per la televisione, protagonista a fianco a Sarah Michelle Gellar (Buffy) della sit-com The Crazy Ones. Per Robin mettere da parte il Cinema per tornare a lavorare in televisione fu vissuto in maniera quasi umiliante e la cancellazione della serie per mancanza di ascolti, deve essergli sembrata un ennesimo fallimento. Sembra che sia stata questa la goccia che ha fatto traboccare il vaso e lo ha portato, la settimana scorsa, a togliersi la vita.

Noi vogliamo però ricordarlo non per questo gesto disperato ma per i tanti anni di carriera e per i suoi tanti personaggi che resteranno indelebili nella nostra mente. Ecco quindi una carrellata con 20 dei suoi personaggi più celebri.

Mork da “Mork & Mindy”

L’alieno Mork, direttamente dal pianeta Ork a bordo di un’astronave a forma di uovo. Ospitato dalla paziente Mindy cercherà di imparare gli usi e costumi degli abitanti terrestri. Se tutti ricorderete la mitica sigla Na-no na-no di Bruno D’Andrea forse non sapete che Mork & Mindy nacque come una specie di spin-off di Happy Days. La prima apparizione di Mork è avvenuta infatti nel 22° episodio della quinta stagione di Happy Days in una sorta di sogno di Fonzie.

Braccio di Ferro da “Popeye – Braccio di Ferro”

Con regia di Robert Altman, tratto dall’omonimo fumetto di Elzie Crisler Segar, Popeye è il primo ruolo importante di Williams al cinema dopo il successo in TV con Mork & Mindy.

Adrian Cronauer da “Good Morning, Vietnam”

La sua interpretazione del DJ Adrian Cronauer che a suo modo conduce la radio locale dell’esercito durante la guerra del Vietnam è sicuramente una della migliori performance di tutta la sua carriera. Diretto da Barry Levinson, con questo film Robin Williams si aggiudica la prima nomination all’Oscar e il suo primo Golden Globe.

John Keating da “L’attimo fuggente”

Un film che ha segnato una generazione. Il professore che sale sulla cattedra per invitare i suoi studenti a vivere veramente e a “cogliere l’attimo” resterà nella memoria collettiva per molti anni a seguire. Seconda nomination all’Oscar.

Henry Sagan “Parry” da “La leggenda del re pescatore”

Per molti è questa la migliore interpretazione di Williams in tutta la sua carriera. Diretto da Terry Gilliam, Williams si aggiudica il secondo Golden Globe e la terza nomination all’Oscar.

Peter Banning/Peter Pan da “Hook – Capitan Uncino”

Pochi attori avrebbero potuto interpretare un Peter Pan cresciuto con la stessa credibilità e aria sognante di Robin Williams. I suoi duelli con Dustin Hoffman / Capitano Giacomo Uncino valevano da soli il prezzo del biglietto.

Genio / Narratore da “Aladdin”

Questa volta Williams non presta il volto ma solo la voce. E tanto basta per rendere il suo Genio uno dei personaggi più amati della filmografia disneyana. In Italia è sostituito da Gigi Proietti.

Daniel Hillard / Mrs. Euphegenia Doubtfire da “Mrs. Doubtfire – Mammo per sempre”

Diretto da Chris Columbus, col quale tornerà a lavorare in seguito (Nine Months, L’uomo bicentenario), Williams interpreta uno dei suoi personaggi più famosi raggiungendo grandissimi risultati al botteghino e aggiudicandosi il terzo Golden Globe.

Alan Parrish da “Jumanji”

Il gioco da tavola che scatena eventi “veri”: altro grande successo al botteghino. A fianco a Williams una giovanissima, ma già famosa, Kirsten Dunst.

Armand Goldman da “Piume di struzzo”

Robin Williams e Nathan Lane interpretano Armand e Albert, coppia gay che deve nascondere la relazione per amore del figlio di Armand. Remake del film italiano Il vizietto (1978), Williams interpreta il ruolo che fu di Ugo Tognazzi.

Jack Charles Powell da “Jack”

Jack è un bimbo che, per una rara disfunzione, invecchia molto più velocemente del normale. A dieci anni sembra già un quarantenne. Quale attore era perfetto a interpretare questo personaggio? Regia di Francis Ford Coppola.

Dale Putley da “Due padri di troppo”

Non sarà il suo film migliore, ma il duo comico formato con Billy Crystal funziona alla grande e la regia di Ivan Reitman è una garanzia.

Professor Philip Brainard da “Flubber – Un professore tra le nuvole”

Remake di Un professore fra le nuvole del 1961, è una commedia per ragazzi di produzione disneyana.

Sean McGuire da “Will Hunting – Genio ribelle”

Sembra che Robin Williams sia abbonato ai ruoli da professore dopo il successo di L’attimo fuggente. E questa volta gli è andata bene: con Will Hunting riesce ad agguantare il suo primo, e unico, Oscar.

Chris Nielsen da “Al di là dei sogni”

Tratto dall’omonimo romanzo di Richard Matheson è uno dei film più strani e visionari nella carriera dell’attore.

Hunter “Patch” Adams da “Patch Adams”

Senza questo film forse oggi la risoterapia e la clownterapia non sarebbero così conosciute e così diffuse.

Jakob da “Jakob il bugiardo”

Tratto dall’omonimo romanzo di Jurek Becker, è un film sull’Olocausto dal tono tragicomico. Williams è un ebreo rinchiuso in ghetto che mente ai suoi compagni per mantenere viva in loro la speranza.

Seymour “Sy” Parrish da “One Hour Photo”

Dopo una carriera di personaggi buoni e sognatori, ecco finalmente un ruolo da “cattivo”.

Walter Finch da “Insomnia”

Sembra che dopo One Hour Photo Williams ci abbia preso gusto a fare il cattivo. Ottima coppia con Al Pacino.

Teddy Roosevelt da “Una notte al museo” (e seguiti)

Perché chiudere citando un film, o meglio una saga, in cui Williams non è protagonista ma solo comprimario? Proprio per i motivi di cui si parlava in apertura: negli ultimi anni i film interpretati da Robin Williams non sono sempre stati all’altezza della sua fama. Avrei potuto citare L’uomo dell’anno o Big Wedding ma non sono film riuscitissimi nonostante il lavoro più che discreto del nostro. Allora preferisco ricordare il divertente Teddy Roosevelt, simpatica spalla di questa che comunque è una delle saghe per ragazzi di maggior successo negli ultimi anni.

Published By: Marco Frassinelli

Laureato in Ingegneria Gestionale, lavora come consulente e libero professionista. Da si occupa per passione di cultura popolare ed è nello staff di manifestazioni quali "Albissola Comics" e "Asylum Fantastic Fest". Ha collaborato a decine di eventi culturali quali ad esempio "Video Festival Città di Imperia", "Festival di Folklore e Cultura Horror AutunnoNero", "Liguria in Wonderland", "Mostriamo il Cinema", "Albenga Dreams", "Fiera del Libro di Imperia". È direttore di "Proxima - Associazione no-profit", vice presidente del "Cineforum Imperia" e membro del consiglio direttivo "Ludo Ergo Sum - Tana dei Goblin Imperia" e "Comics & Art". Ha lavorato come blogger per Blogosfere gestendo il blog PianetaFumetto ed è fondatore del sito di cinema CineforumImperia.it. Ha pubblicato sul settimanale "L'Eco della Riviera" e ha avuto una rubrica fissa sulla rivista di cinema "Tenebre". Scrive per le riviste di fumetti "Fumo di China" e "Dylandogofili". Con Proxima - Associazione no-profit ha curato la pubblicazione del romanzo "Sina. Je m'en fiche!" ed è co-autore dei libri di cinema "Gibba e 'Lele' Luzzati. L'arte animata di Francesco Maurizio Guido ed Emanuele Luzzati" e "Sei nel West, Amigo! Vendi il pennello e procurati una colt...". Sui articoli stati pubblicati anche su "Novissimo Zibaldino del Festival” (Mellophonium) e "L'arte del doppiaggio. Doppiatori e direttori di doppiaggio” (Felici Editori). È autore di alcune fotografie per il fotolibro “Gallieno Ferri – Photobook” (Forum ZTN). Nel 2013 crea il sito ilblogger.it dove scrive principalmente di cinema e fumetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.