Festa di San Valentino: 10 cose che probabilmente non sapete

San Valentino

Oggi è San Valentino, la Festa degli innamorati. Un augurio quindi di tanto amore a tutte le coppie: neo coppiette, fidanzati o sposati che siate. Ma vi siete mai chiesti quando è nata questa ricorrenza? E perché si festeggia proprio il 14 febbraio? A queste e altre domande daremo risposta nelle “10 cose che probabilmente non sapete“.

1) Chi istituì la festa? La festa fu istituita da papa Gelasio I nel 496 allo scopo di rimpiazzare la Lupercalia, festività pagana in onore del dio Fauno/Luperco, protettore del bestiame dall’attacco dei lupi. Gelasio (curiosità: ultimo papa di origine africana) sostituì la festa celebrando la purificazione e fertilità della Vergine Maria.

Papa Gelasio I

2) Quando divenne festa degli innamorati? La festa diventa “degli innamorati” solo successivamente, nel basso Medioevo. Alcuni ipotizzano che artefice potrebbe essere in qualche modo il poeta inglese Geoffrey Chaucer e il suo circolo dal quale prese forma la tradizione dell’amor cortese.

Geoffrey Chaucer

3) Chi era San Valentino? San Valentino, o meglio San Valentino da Terni è vissuto tra il 176 e il 273. Nato patrizio, si convertì al cristianesimo e divenne vescovo di Terni a soli 21 anni. Morì il 14 febbraio a 97 anni, decapitato il su ordine dell’imperatore Aureliano, in un periodo di persecuzioni contro i cristiani.

San Valentino da Terni

4) San Valentino c’entra con “gli innamorati”? Nella tradizione popolare ci sono alcuni episodi e miracoli di San Valentino, che possono associarlo alla festa degli innamorati. Tra i più noti ci sono i racconti di quando riconciliò due giovani che litigavano porgendo loro una rosa e invitandoli a tenerla nelle loro mani e di quando fece volare intorno a due giovani (gli stessi?) molte coppie di piccioni che si scambiano gesti di affetto. Forse è qui che è nata l’espressione piccioncini.

Rose rosse

5) Cosa sono le “valentine”? Soprattutto nei paesi anglosassoni è d’uso a San Valentino scambiarsi bigliettini d’amore, magari a forma di cuore o colomba, chiamate appunto valentine. Il nome deriva ovviamente da San Valentino e dal suo miracolo più famoso. Durante la prigionia ridiede la vista alla figlia del suo carceriere. Successivamente, prima dell’esecusione, le scrisse una lettera di addio firmata “Dal tuo Valentino“. Ed è sempre per questo che, nei paesi anglosassoni, è d’uso firmare le valentine “From your Valentine“.

Cuori per San Valentino

6) Dove si festeggia in Italia? Ovviamente la festa principale è a Terni, la città del santo. Qui, la domenica precedente al 14 febbraio, molti coppie di fidanzati si riuniscono per la “festa della della promessa”. A Bussolengo (Verona) si svolge la storica Fiera di San Valentino, prima dedicata al bestiame, oggi macchine agricole, con un grande Luna Park e spettacoli vari. A Quero (Belluno), dopo la messa vengono fatte rotolare arance che i fedeli cercano di raccogliere prima che finiscano nel canale.

Fiera di San Valentino

7) Chi riceve più Valentine? Nei soli Stati Uniti ogni anno vengono spedite 190 milioni di valentine. Ma se al conto si aggiungono le valentine realizzate a scuola, il conto sale a un miliardo e sono le maestre le persone che ricevono il maggior numero di valentine.

USA Valentine Day

8) Solo amore o anche amicizia? San Valentino si festeggia come festa degli innamorati, ma anche dell’amicizia, in quasi tutto il sud America, ad esempio in Messico, Costa Rica, Puerto Rico. Tra le eccezioni il Brasile, dove è poco festeggiata in quanto troppo vicina al Carnevale. Le coppiette brasiliane preferiscono festeggiarsi il 12 giugno, nel giorno di Sant’Antonio.

San Valentino Nicoya

9) Cos’è il White Day? Una ricorrenza asiatica nel giorno 14 marzo. In Giappone, in particolare, la festa di San Valentino è ben codificata con il cioccolato. Il 14 febbraio le ragazze regalano cioccolatini al proprio amato, ma anche a collechi e amici (honmei choco sono quelli dell’amato, coiri choco tutti gli altri). Chi ha ricevuto i cioccolati, ricambierà un mese dopo, il 14 marzo, con cioccolatini di cioccolato bianco; da qui il termine White Day.

White day

10) E i single? In Corea del Sud è famoso il Black Day. Chi non ha ricevuto regali a San Valentino, due mesi dopo, per due giorni si veste di nero per cercare di ricevere qualche regalo “riparatore”. Se questi due giorni bonus non hanno effetto, tutti i “single” si riuniscono il 14 aprile per mangiare Jajangmyeon, ovvero noodles ai fagioli neri.

Black day

Lascia un commento

Commenti