L’arte e i video di Jack Goldstein in mostra a New York

Jack Goldstein x 10000 von Phillip KaiserSono passati poco più di dieci anni dalla morte dell’artista Jack Goldstein (nato nel 1945, scomparso il 14 marzo 2003), le cui opere fino al prossimo 29 settembre sono esposte nella mostra “x10.000” al Jewish Museum di New York.

È la prima retrospettiva americana dell’artista canadese, che raccoglie sculture, film foto e dipinti, e prende il titolo da una sua celebre frase (“Il mio nome è solo la riproduzione di una riproduzione. Sull’elenco ci saranno almeno 10.000 Jack Goldstein“).

Tra le sue opere più note, anche alcuni film, in particolare il celebrato “Metro-Goldwin-Mayer” del 1975, che propone per oltre 2 minuti il ruggito diventato la firma dello Studio hollywoodiano, privandolo del suo senso originario e donandogliene uno nuovo.

 

Published By: Carlo Griseri

Imperiese trapiantato a Torino, è un giornalista cinematografico e da inizio 2011 è uno dei redattori di CinemaItaliano.info. Membro dell'SNCCI – Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani, è autore di saggi come “Ma quella è casa mia - Dieci anni di cinema in Liguria”, “Mission Accomplished” per il volume “La Scrittura dello sguardo: Il cinema di Brian De Palma” e la “Piccola Enciclopedia della Commedia Americana”. È tra i membri della Dvd Academy, che seleziona le nomination per gli Italian Dvd & Blu-ray Awards, e dell’Academy del Doc/it Professional Award. È co-organizzatore e direttore artistico di "Mostriamo il Cinema" a Cervo. Gestisce un blog tematico per il sito de Linkiesta.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.